Verdure e legumi hanno di gran lunga superato tutti gli altri alimenti nella dieta dei siciliani; da secoli, infatti, non sono stati solo un riempitivo dello stomaco vuoto, perché in tutte le cucine, dalla più povera alla più ricca, hanno saputo rivestire un loro ruolo: una frittata di fave e piselli, una parmigiana di melanzane, uno sformato di carciofi, un piatto di lenticchie o ceci e fagioli, le innumerevoli e stagionali verdure selvatiche; sono stati tutti desiderati, mangiati, apprezzati e cucinati in ogni cucina di ogni ceto sociale e in ogni tempo. Sono stati, insomma, sempre graditi!

Una verdura apprezzata tantissimo dai siciliani è senza ombra di dubbio la melanzana ed è presente in moltissime ricette siciliane. La parola "melanzana" deriva dall’arabo “badingian” che, preso il prefisso “mela”, divenne mela-badingian e quindi melanzana.

Originaria delle Indie, venne introdotta in Sicilia e in Europa alla fine del XIV secolo dagli arabi, ma venne accolta molto tiepidamente. Solo verso la metà dell’800 farà il suo ingresso ufficiale nelle cucine europee. Il perché di questo ritardo fu sicuramente dovuto al suo forte sapore amarognolo (fu addirittura definito “cibo velenoso e dannoso per la salute”). Col tempo venne apprezzata perché ben cucinabile e il suo impiego nella cucina regionale isolana è grandissimo; non esiste altro ortaggio o verdura che possa essere preparato in così tanti modi dai siciliani come la melanzana!

Quella che vi propongo io è una delle più classiche e saporite ricette siciliane, nonché stuzzicante come aperitivo o contorno: Le polpette di melanzane alle erbette. 

E visto che si è accennato all’aperitivo, uno dei tanti vini che si può bene accompagnare a questo piatto potrebbe essere uno Sciacca rosato, da uve di Cabernet Souvignon, Merlot, Nero d’Avola, Sangiovese; dal sapore fine e fragrante, armonico e vivace, si serve fresco a tutto pasto.

 

Ingredienti per una decina di polpette:

  • 300 gr di polpa di melanzana (già spurgata);
  • sale e pepe q.b.;
  • 1 pizzico di peperoncino rosso secco;
  • 2 bei cucchiai di parmigiano o pecorino;
  • 1 tuorlo;
  • 1/2 spicchio d’aglio piccolo;
  • una manciata di prezzemolo tritato ed una di basilico;
  • un pò di timo fresco;
  • dai 20 ai 40 gr di pangrattato + quello per l'impanatura delle polpette;
  • olio di semi d’arachide per friggere;

 

Preparazione:

 
Ogni tipo di polpetta ha il suo perché: di carne, di pesce o di verdure, cotte in qualsiasi modo (al forno o fritte) sono sempre squisite… e queste polpette di melanzane alle erbette fresche non sono da meno, ve lo assicuro!

Incominciamo a tagliare a cubetti una grossa melanzana e a cospargerla di sale: lasciamola spurgare almeno un’oretta dentro una scolapasta.

Adesso mettetela su una teglietta con carta oleata e in forno a circa 180° per una ventina di minuti per farle fare la prima cottura. Poi tritatela grossolanamente al coltello su di un tagliere (frullarla la ridurrebbe troppo a purea) e mettetela dentro una ciotola: aggiustate di sale e pepe, unite l’altro pepe rosso a piacere, l’aglio senza l’anima e ridotto a pezzetti minuscoli o in poltiglia, il formaggio e le erbette fresche tritate finemente. Amalgamate e aggiungete infine il tuorlo ed il pangrattato: partite da almeno 20 gr; se poi il composto dovesse essere ancora troppo molle, unite il resto.

Io di solito dopo questo passaggio le faccio un po' rassodare in frigo.

Terminate con passarle delicatamente dal pangrattato e friggetele in abbondante olio di semi in immersione.

Per una preparazione più leggera e pratica potete anche infornarle! Non mi resta che augurarvi buon appetito!

 

Trovi la stessa ricetta sul mio BLOG

Seguimi su 

 

 

Accesso Utenti

Contattaci

Tutti i campi sono obbligatori. Non preoccuparti per la tua privacy, con noi è al sicuro!
Please prove you are human!